Tipico piatto italiano “LO SPEZZATINO” : calcio venduto alle televisioni

Dall’inizio del nuovo anno abbiamo già assistito a 19 partite, tutte giocate in notturna…o per meglio dire ” in prima serata”. Si , in prima serata , per essere precisi alle 20:45 e utilizzo un linguaggio televisivo appositamente, per ironia, satira o polemica, come preferite, ma soprattutto quello che sto per scrivere ha l’intenzione di colpire e smuovere le vostre coscienze affinchè prestiate attenzione all’ennesima “italianata”. Non voglio fare politica, non ne sono capace e neppure giudicare comportamenti o decisioni prese da gente indubbiamente più competente di me. Provate però a pensare a come il calcio sia cambiato in questi anni, a tal punto da scendere a compromessi con le televisioni (private e non) che hanno improvvisamente preso piede riuscendo a avere “il monopolio” economico del calcio.Certo a noi tifosi hanno fatto un favore…calcio ogni sera per tutti! Per chi paga chiaramente. Alla fine “che saranno”mai 20 euro al mese per avere ogni giorno un pò di pallone.

La Tv ha comprato il calcio. Possiamo capolvolgere la frase e dire che il calcio si è venduto alle Tv però il concetto rimane invariato. Voi penserete che tutto ciò è normale, le società di calcio hanno bisogno di denaro e noi appassionati di football, quindi tutto gira alla perfezione. Per di più avendo adottato il metodo “spezzatino” ci sentiamo un pò “inglesi” , anche loro infatti usano questo sistema. Da quando siamo nati cerchiamo di imitare gli inglesi, ci aveva provato anche Cavour a suo tempo con la politica liberalista, ma non abbiamo ancora capito che siamo italiani, non siamo abili nel gestire quanto nel servire. Come disse Indro Montanelli in un intervista ” gli italiani sono bravissimi ad ubbidire, si vendono bene e sono molto elastici…perfetti nei lavori servili”. Anche se questa frase si riferiva ad un contesto generale, si può tranquillamente ricondurla al particolare.

Con la storia di farci contenti e di aggiornare il calcio italiano a quello europeo imitando gli inglesi, la verità è che il calcio si è venduto alle televisioni.

Sapete come sono attrezzati gli stadi inglesi? Strutture non certo come le nostre considerate le peggiori d’Europa! Hanno negozi, ristoranti e soprattutto sono riscaldati come i cinema. Allora potrebbe avere un senso giocare di notte con meno cinque gradi a Gennaio. Ma “chissene frega” se con il freddo gli stadi sono mezzi vuoti e poi non è mica tanto vero, perchè a noi va bene così. Un bel cappellino, una sciarpa con i colori della squadra per cui tifiamo, guanti…e via allo stadio a saltare e cantare così ci si riscalda più velocemente. Per non parlare dell’aumento dei giocatori infortunati (secondo le statistiche il 30% in più). Quanti infortuni muscolari si verificano ultimamente? Siamo sinceri non si può trattare solo di casualità , è provato che il fisico di un atleta viene sottopoposto a uno “stress” enorme durante la gara, il gelo è una componente che non allevia questo sforzo, anzi lo triplica. Solo il Milan in due sere ha perso 3 giocatori per infortuni muscolari : Pato oramai caso “cronico”, non certo aiutato dalle basse temperature rischia uno stop di 4 settimane, Merkel e Boateng anche loro sulla lista dell’infermeria. Il Genoa ieri sera contro l’Inter ha dovuto sostituire dopo solo 20 minuti Marco Rossi anche lui per un problema muscolare…

Questione meno seria, ma che incide sulle prestazioni dei giocatori è il campo. L’erba di San Siro ha dovuto sopportare 3 partite in 4 giorni…ieri sera non a caso sembrava il campo dell’oratorio. E’ vero, viene sempre rizzollato , ma bisogna dare tempo al prato di riassestarsi.

Tifosi al freddo, giocatori che spesso subiscono infortuni muscolari e campi in pessime condizioni non sembrano essere problemi da tenere in considerazione. Ciò che conta e che bisogna salvaguardare è l’interesse commerciale, gli incassi che derivano dagli ascolti televisivi . Rimane un pensiero “qualunque” soggettivo e opinabile, non è mio interesse imporlo, ma renderlo uno stimolo ad un vostro possibile commento.

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito fa uso di cookies. Leggi la nostra informativa sui cookies Maggiori Informazioni

Informativa Cookies
Con il presente documento, ai sensi degli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 (“codice privacy”), nonché in base a quanto previsto dal Provvedimento generale del Garante privacy dell’8 maggio 2014 comunichiamo che il presente sito www.footballteam-eshop.it, il cui titolare dei trattamenti è Andrea Santa Maria, Via Rubens, 26 - 20148 Milano, fa uso di cookies.

I cookies sono microfiles che vengono inviati dal sito al browser dell’utente e conservano informazioni che servono a migliorare l’esperienza di navigazione sul sito.
Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

In particolare il nostro sito fa uso di Google Analytics per raccogliere in forma anonima informazioni statistiche sulle visite effettuate dagli utenti.

L’uso di tali cookies non richiede l’approvazione esplicita da parte dell’utente ma ne rendiamo nota tramite questa pagina di informativa estesa ai sensi della suddetta legge.

Disabilitazione dei cookie
– Fermo restando quanto sopra indicato in ordine ai cookie strettamente necessari alla navigazione, l’utente può eliminare gli altri cookie attraverso la funzionalità a tal fine messa a disposizione dal Titolare tramite la presente informativa oppure direttamente tramite il proprio browser.
Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. L’utente può ottenere istruzioni specifiche attraverso i link sottostanti.
Microsoft Windows Explorer
Google Chrome
Mozilla Firefox
Apple Safari
– La disattivazione dei cookie di terze parti è inoltre possibile attraverso le modalità rese disponibili direttamente dalla società terza titolare per detto trattamento, come indicato ai link riportati nel paragrafo “cookie di terze parti”
– Per avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente si rinvia al link: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte

Come disabilitare i cookie di servizi di terzi

Servizi di Google
Facebook
Twitter


Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

Siti Web di terze parti
Il presente sito contiene collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy. Queste informative sulla privacy possono essere diverse da quella adottata dal Titolare, che quindi non risponde per Siti di terze parti.

Ai sensi dell'art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 il consenso all'utilizzo di tali cookie è espresso dall'interessato mediante il settaggio individuale che ha scelto liberamente per il browser utilizzato per la navigazione nel sito, ferma restando la facoltà dell'utente di comunicare in ogni momento al Titolare del trattamento la propria volontà in merito ad dati gestiti per il tramite dei cookie che il browser stesso abbia accettato.

Chiudi